Mini impianti dentali
Cosa sono, a cosa servono e quando usarli

Alessandro Gentili

Il mini-impianto dentale si usa per stabilizzare la dentiera superiore o quella inferiore, con viti più piccole rispetto a quelle convenzionali.

Mini impianti dentali: quando utilizzarli


I mini impianti dentali possono essere usati per stabilizzare la dentiera, soprattutto quando la persona è rimasta senza denti e crede di poter usufruire solo della protesi mobile totale. In realtà, col mini impianto può risolvere gli stessi problemi e rimuovere la protesi facilmente per l’igiene orale quotidiana.
Questa soluzione è duratura nel tempo e stabile, tanto che alcuni dentisti la usano anche per la sostituzione di un singolo dente o per le corone dentali o per i ponti.

Vantaggi dei mini impianti dentali


I mini impianti sono stabili e duraturi. Un altro vantaggio è che la dimensione ridotta delle viti fa sì che l’intervento chirurgico non sia troppo invasivo. Per eseguire l’intervento è sufficiente l’anestesia locale.
Da subito si mastica meglio, sparisce il cosiddetto “alito da dentiera” e si torna a sorridere di più e con più tranquillità perché gli inconvenienti legati alla dentiera tradizionale non ci sono più. Spesso non c’è bisogno di incidere o tagliare la gengiva e basta una puntura di anestesia locale sulla parte interessata per posizionare il mini impianto. Inoltre, può essere riutilizzata la vecchia dentiera del paziente, che va adattata. Il paziente potrà tornare subito a condurre una vita normale, perché non c’è bisogno di attendere il periodo dell’osteointegrazione e il decorso post-operatorio è assolutamente tollerabile.

Differenze tra mini impianto dentale e dentiera tradizionale


I mini impianti possono essere inseriti con un intervento di circa un’ora e non richiedono incisioni della gengiva. Inoltre, sono molto piccoli e composti da una lega di titanio che si salda perfettamente con l’osso essendo biocompatibile.
Una volta inseriti gli impianti, la dentiera del paziente viene posta sopra e agganciata attraverso degli o-ring che scivolano sopra i mini impianti e si incastrano. Il paziente, di solito, può uscire dallo studio dentistico con la dentiera al suo posto e non deve aspettare altro tempo.

Vari tipi di mini impianto


I mini impianti dentali esistono di diversi diametri. Quale sia il più indicato lo deciderà il dentista di volta in volta, tenendo conto di quanto osso ci sia a disposizione e della sua densità.
La lunghezza, invece, dipende dalla densità dell’osso corticale: maggiore la densità, minore la lunghezza.
Per la stabilizzazione della protesi mobile inferiore, di solito, si usano 4 mini-impianti posti nella parte anteriore della mascella. C’è anche un impianto di diametro ancora minore e di diverse lunghezze, che si usa quando la densità ossea è bassa. Generalmente viene usato per la stabilizzazione della protesi mobile superiore.
Tutti i mini impianti sono adatti al carico immediato, così che il paziente può tornare subito a sorridere.

Quanto costa il mini impianto dentale?


Il mini impianto dentale ha un costo inferiore rispetto all’impianto tradizionale. Tuttavia, viene definito di volta in volta, in base alle esigenze del paziente.

Vuoi ricevere informazioni sui mini impianti dentali?

Contattaci

Vuoi maggiori informazioni?
Chiamaci e richiedi un preventivo gratuito.
info@dentistagentili.it