Quanto dura un impianto dentale?
4 fattori di rischio da evitare

Alessandro Gentili

Quanto dura un impianto dentale? E quali sono i fattori di rischio da controllare per farlo durare di più?
Vediamo insieme come far durare più a lunga l'impianto dentale.

Quanto dura un impianto dentale?


Arriviamo subito al punto.

Statistiche alla mano, un impianto dentale sembra durare in media 10-15 anni nel 95% dei pazienti. Decisamente un numero incoraggiante!

Attenzione però, anche se la maggior parte degli impianti si concentra su questa durata, in alcuni casi si rivela necessario cambiarlo prima dei 10 anni. Questo perché la durata di un impianto dipende molto dalle condizioni a cui è sottoposto.

Da cosa dipende la durata di un impianto?


La durata di un impianto dipende sicuramente dalla qualità dell’impianto stesso e dalla professionalità con cui è stato effettuato. Tuttavia, ci sono alcuni fattori che intervengono in un secondo momento e che è necessario controllare.

Vediamoli:

  1. La placca batterica: è il primo fattore di rischio. La sua presenza incrementa notevolmente il rischio di contrarre perimplantite. Come prevenirla? Con una buona igiene orale!
    A partire dall’igiene orale quotidiana e domestica, spazzolino e filo interdentale sono i migliori alleati, e senza dimenticare l’igiene professionale! Ogni 6 mesi è importante richiedere un’igiene dentale approfondita per eliminare placca e tartaro anche dalle zone più profonde.


  2. Fumo
    Gli effetti negativi del fumo si notano anche nello sviluppo di perimplantite. Generalmente chi fuma ha un rischio 4 volte superiore di sviluppare complicazioni rispetto ai non fumatori.


  3. Parodontite: è una grave infiammazione del parodonto, ossia delle gengive e dei tessuti circostanti.

  4. Soffrire di parodontite incrementa il rischio, non solo di dover ricorrere all’implantologia, ma anche di incorrere in perimplantite.

  5. Diabete e stress: anche particolari condizioni mediche come diabete, carenza di vitamine e stress sono fattori di rischio da tenere sotto controllo.


  6. Riassumendo: placca batterica, fumo, parodontite, diabete e stress sono i fattori che dovresti cercare di controllare per salvaguardare il tuo impianto nel presente e nel futuro.

    Ora sai quanto dovrebbe durare un impianto dentale e cosa fare per prolungarne il più possibile la durata.
    Seguendo questi consigli ti assicurerai denti sani e solidi per i prossimi vent’anni!

    E se vuoi avere qualche informazione in più sull’implantologia, puoi contattarci qui!

Vuoi maggiori informazioni?
Chiamaci e richiedi un preventivo gratuito.
info@dentistagentili.it